lunedì 18 settembre 2017

Bentornato spirito HYGGE






Nonostante la data ufficiale del suo arrivo sia il 23 settembre, l’autunno è arrivato. Penso che questa stagione faccia la sua comparsa già alla prima giornata di fresco dopo la pioggia di fine estate.


Le giornate si sono accorciate. Le mattine sono fresche e di sera si ritorna a chiudere le finestre. È la stagione di quei piccoli rituali che, durante l’estate, avevamo messo da parte. Ritornano a fare la loro comparsa le stole di lana, da indossare durante le passeggiate e per restare calde tra le pareti di casa, i plaid colorati sul divano, amici fedeli nelle sere davanti alla tv, le tisane calde prima di andare a letto, magari con le erbe aromatiche raccolte durante l’estate. E le tazze di tè, da sorbire nelle pause di lavoro, che sono quelle che danno una marcia in più nei momenti di stanchezza quotidiana.

LaRobi di Le Chat Egoiste è una donna dai mille suggerimenti: è impossibile passare dal suo blog senza imparare qualcosa di nuovo, se poi si ha la fortuna di conoscerla e di scambiare quattro chiacchiere, ci si accorge di quanto sia un vulcano di idee.

La ricetta della sua pasta frolla, anzi la ricetta della pasta frolla della zia Leru, da lei super collaudata, è entrata nel mio quaderno delle cose buone, perché una frolla così non l’avevo mai fatta prima. Premetto di non avere mai avuto un buon rapporto con la frolla, perché mi usciva ora troppo dura, ora troppo sbriciolata. Mi tirava matta quella pasta fino a quando, all’inizio dell’estate, chiesi il consiglio della Robi e lei, sempre disponibile, mi ha passato la sua “ricetta blasonata” che, tra l’altro, proprio in questi giorni, ha pubblicato sul suo blog (leggere qui).
È stato per me un successo senza precedenti, ovvio. I miei biscotti sono andati a ruba. Ma non è dei miei biscotti che voglio parlare oggi, bensì di qualcosa con cui accompagnarli.


Durante un incontro di lavoro a casa sua, LaRobi, mi ha offerto una tazza di tè. Niente di nuovo, detto così. Una tazza di tè servita con una fetta di torta è di consuetudine per LaRobi, nulla di fuori del comune. Invece l’originalità era proprio nel sapore di quella bevanda. Aveva qualcosa di speciale, di avvolgente come il calore di un abbraccio. Non era il classico aroma che conosciamo tutti, ma un tè nero unito alle note calde di alcuni grani di caffè, fave di cacao, scaglie di cioccolato, bacche di pepe rosa, e il meraviglioso sapore delle mandorle. Il tutto racchiuso in un raffinato sacchettino-filtro, sottile come l’organza, che dispiaceva addirittura gettarlo dopo l’uso.
È stato subito  amore a prima vista. Una ventata di buonumore per riprendere il filo del discorso e portare avanti il nostro lavoro. Ancora una volta questa donna ha ispirato la mia gola.


Ecco, tanto per rinnovare l’efficacia, io quella bevanda l’ho ripetuta tra le mura della mia cucina, con gli stessi ingredienti elencati sopra, però dosati a occhio nell’infusore della mia teiera.
Il risultato è un po’ …  torbido,  perché non avrei dovuto sminuzzare troppo le mandorle. Ma, al di là di questa piccola imperfezione, l’aroma è delizioso, sia per l’olfatto che per il palato e lo spirito. Mirella, l'amica con la quale condivido spesso il piacere di una tisana, ne sa qualcosa. Per farla breve, quel che si dice una roba da far tornare il sorriso al più disperato degli infelici!

Bentornato autunno, quindi, e bentornata HYGGE: diffidate da chi dice che dietro la ricerca della felicità, che insegna questa tendenza del momento, si nasconde il rischio dell’isolamento sociale. Non è affatto vero: la condivisione come abbiamo fatto noi, è una delle dieci regole di questa filosofia di vita.



7 commenti:

  1. isolamento sociale? ma nemmeno per idea!!! Vero cara Mari? Noi lo spirito Hygge ce l'abbiamo nel dna da sempre e da sempre amiamo condividere e far partecipe chi sta intorno a noi di queste atmosfere! Grazie per questo post in cui sono "pluri citata" ma ancor più contenta che la "mia" pasta frolla sia diventata anche la tua ...me felice ! A presto amica cara <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato pubblicato un articolo dove trattavano il lato negativo dello spirito hygge, del resto siamo abituati,no? a questo genere di giornalismo: se qualcosa fa bene alla comunità, c'è sempre qualcuno che, per fare notizia, scrive l'opposto. Di riflesso bisognerebbe inventare il telegiornale delle buone notizie: secondo me l'indice di gradimento sarebbe ben più alto rispetto a quello del telegiornale tradizionale. Ma ognuno, poi, è libero di pensiero. Io, come dici tu, la hygge ce l'ho nel dna.
      A presto!

      Elimina
    2. sono assolutamente d'accordo con te! a presto

      Elimina
  2. Provare...provare...provare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provare Mire, anche l'effetto collaterale di teina e caffeina insieme... non è una bevanda serale, infatti ho detto che rimette in sesto dagli abbiocchi pomeridiani.
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Io vorrei sapere cosa devo fare per prendere un te' con voi due. Sappiate che oggi San Gennaro ha fatto il miracolo, che a confronto, è una passeggiata. Ecco! ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna! Muoio dal ridere! Essere paragonata al Miracolo di San Gennaro, proprio non mi era mai capitato.
      Dammi il tempo di capire da che parte son voltata e poi organizziamo un té speciale, promesso!
      Per il momento, un abbraccio, grande come il Miracolo di San Gennaro.

      Elimina